Annamaria Delgrosso

Come lavoro

Aiuto a sviluppare consapevolezza, a raggiungere equilibrio e benessere, a conquistare autonomia per proseguire con le proprie risorse

Chi si rivolge a me porta con sé una domanda alla quale non trova risposta. Il primo passo da compiere insieme è imparare ad ascoltare se stessi.
Riconoscere, comprendere, accogliere e integrare. Questi sono gli obiettivi e riguardano il vissuto presente e passato, le emozioni, i propri bisogni e talenti. È necessario anche imparare a lasciar andare ciò che blocca la realizzazione personale.

Stare nel mondo con le proprie risorse, al meglio delle proprie possibilità

Come in una fucina in cui si trasmutano gli elementi, quello che ci accade lo si può vedere come qualcosa che ci abbatte oppure che può trasformare la nostra vita. Per questo occorre lavorare sul comprendere chi siamo e qual è la nostra direzione, sul riconoscere i nostri desideri e sogni, sulla nostra meritevolezza.
Sento spesso ripetere “si è sempre fatto così” e “tutti nella mia famiglia hanno fatto questo”: sono cliché in cui ci si rispecchia senza chiedersi se davvero quella strada ci appartiene.

Camminare insieme rende il passo più leggero

I Maestri che mi hanno accompagnata durante il cammino hanno messo in luce la mia passione per la vita e la mia voglia di fare. Attraverso il loro lavoro su di me ho compreso che tutti possono riuscire a realizzare se stessi e la propria missione in questa vita. Il mio compito è quindi aiutare le persone a vedere i doni che possiedono, con i quali possono cambiare la propria esistenza e quella di chi sta loro accanto.

Credo profondamente che ognuno sia in grado di stare meglio, che abbia in sé le risorse per farlo

Possiamo riconoscere ciò che abbiamo scelto di risolvere in questa vita e disattivare più in fretta i meccanismi che impediscono la nostra realizzazione,  se lavoriamo con strumenti adeguati: le costellazioni familiari, la meditazione, le regressioni alle vite passate sono metodi efficaci che aiutano questi processi.
Si tratta di pratiche che non si pongono in contrasto con la medicina o la psicologia, anzi sono spesso riconosciute come integrazioni a supporto nei percorsi di guarigione psico-fisica.

Ogni individuo è unico e irripetibile, in sé comprende tutto ciò che ha vissuto

Nei percorsi di evoluzione personale, oltre alla tecnica, metto in gioco tutto ciò che sono, la mia energia vitale, l’amore che provo per me stessa e per gli altri, l’urgenza che sento nell’aiutare chi si rivolge a me con fiducia.
Dare con amore e ricevere con gratitudine, sentirsi meritevoli di abbondanza in ogni ambito della vita, essere radicati nel presente e creare la propria visione del futuro: sono questi gli obiettivi della mia relazione di sostegno alle persone.